Nous voulons

N.B.
Il contenuto di questa news non vuole essere una scelta di campo pro o contro uno schieramento politico. Nella tradizione e nello stile di Società Libera nelle prossime settimane ci soffermeremo con criticità anche sulle altre formazioni politiche. Non è compito di una storica associazione di cultura liberale, qual è Società Libera, indirizzare scelte elettorali, che attengono al discernimento e alle sensibilità individuali.

di Marco Antonio Patriarca

I napoletani del 1799 li chiamavano “i nuvoloni”; erano gli occupanti francesi, giacobini a metà illuministi, che nelle piazze e piazzette gremite da piccole folle di curiosi, anche se non parlavano francese, ascoltavano rapiti “.. nous voulons.. nous voulons.. nous voulons..” Volevano cambiare tutto dell’amministrazione borbonica, anche i giorni del calendario. Anche noi abbiamo i nostri nuvoloni, sono i 5Stelle che vogliono cambiare un sacco di cose, tutte assolutamente popolari: redditi per tutti, decrescita creativa, giù le tasse, basta con la burocrazia e la tirannia della UE, con il potere delle banche, i politici corrotti, i vitalizi pubblici, il nepotismo ecc. Si trova forse qualcuno non d’accordo ? 5Stelle hanno avuto grande successo: è cominciato con un verace, coraggioso e ignorantissimo vaffà e con gli insulti urlati di Beppe Grillo contro “il sistema” dei partiti, contro la UE, il Parlamento e la finanza mondiale. E poi via con l’idea rousseauiana di democrazia digitale diretta (anche nel senso che sarebbe diretta dalla Grillo e Casaleggio &Co.) Il loro indiscutibile successo è ormai oggetto di studio sociologico, antropologico e futurologico. Ma ora il vaffà è finito. Basta vedere il candidato premier Luigi Di Maio nel suo impeccabile blu bon con cravatta moderata presentarsi in tutti gli show televisivi e gli incontri politici come un giovane manager deciso a farsi assumere per riformare la ditta in dissesto chiamata Italia. A sentirlo Di Maio è già stato assunto. “Il segreto del successo – ironizzava Oscar Wilde – è di convincere la gente di averlo già raggiunto.” Di questo formidabile consiglio Di Maio, anche grazie ai social, ha fatto tesoro. E’ lui il futuro premier e già sa un sacco di cose che gli serviranno allo scopo, aiutato da grillini che della competenza, di fronte alla sfascio nazionale, ormai stanno per ricevere il monopolio. Ormai anche la signora di Voghera sa che Di Maio sa; e a quanto sembra, gli autori di show televisivi, giornalisti ed alcuni insospettabili parrucconi, oltre naturalmente a molti suoi coetanei, sembrano riferirsi a lui come il futuro capo del governo italiano. Di Maio è anche molto prudente: non dice come intende realizzare le riforme che ha proposto, né cosa dirà dopo le elezioni nel prossimo vertice con Macron e la Merkel. Sa bene che in politica bisogna sempre dire alto e forte che cosa fare, mai dire come farlo, con quali procedure, quali soldi, quali tempi, quali esiti. Ci mancherebbe! Nel passato ci sono già caduti in troppi; i grillini non sono così stupidi.

Newsletter – Anno XVIII – n. 357 del 31 gennaio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.