Salvate il soldato Gruber

Società Libera online

Anno XIX – n. 403 – 24 giugno 2019

00186 ROMA – Piazza Rondanini, 52 – Tel. 06.89538799

www.societalibera.org
info@societalibera.org
@SocietaLibera


AGENDA

SALERNO – giovedì 27 giugno 2019 ore 18:30 presso IL CIGNO, design e arte contemporanea, Corso Garidbaldi 241

Corrado Lembo, già Procuratore della Repubblica di Salerno, Antonio Manzo, direttore La Città, Presentano il volume di Vincenzo Olita

“Illusione della Libertà Certezza della Solitudine” Rubbettino Editore


SALVATE IL SOLDATO GRUBER

A chi è capitato, nell’ultimo anno, di assistere su La7 al programma quotidiano di approfondimento politico Otto e Mezzo non sarà sfuggito che la conduttrice Lilli Gruber, qualsiasi sia l’argomento trattato, non riesce a fare a meno di evocare Salvini con impressionante periodicità. Supportata da un paio di ospiti in studio, con funzione di spalla, figura nobile e fondamentale nella commedia dell’arte, la Gruber interpreta un confuso mix di ruolo, giornalista e politologa, con il risultato della non attendibilità in nessuno dei due.

Assolutamente prevedibile nelle domande che tendono a riportare su Salvini qualsivoglia responsabilità, il più delle volte, apolitici e sentimentali i ragionamenti, le analisi e le considerazioni espressi in fase di interlocuzione.

Un osservatore superficiale potrebbe valutare questo comportamento, ossessivo, come psicopatologico ma, fortunatamente, così non è, la giornalista esprime solo una forte e radicata militanza politica, ipersensibile all’attività dell’avversario politico.

Non abbiamo particolare simpatia per Salvini né come uomo di governo, né tantomeno come statista, ma allo stesso tempo non amiamo un’informazione militante e partigiana ammantata di pluralismo. La società aperta, a cui aspiriamo, contempla un giornalismo attento e parimente critico verso il potere e la sua opposizione, purtroppo professionalità rare in un Paese in cui l’informazione si connota sempre più come un sottoprodotto della lotta politica.

La Gruber ne è un plastico esempio, avrebbe necessità di essere confortata da un sincero politologo, capace di intendere la dinamica politica, e da uno psicologo sociale capace, senza essere Gustav Le Bon, di intendere i primi rudimenti della Psicologia delle Folle.

Con questo sostegno, forse, la volenterosa giornalista potrebbe riuscire a smettere i panni della militanza prendendo coscienza che il suo maldestro essere combattente per una causa produce solo un buon beneficio d’immagine alla controparte politica.


Gli aderenti a Società Libera possono rinnovare la loro quota di appartenenza versando 100 Euro
sul c/c bancario intestato a Società Libera Banco Popolare di Milano – Filiale di Roma
IBAN: IT30 Z050 3403 2650 0000 0001 680
Oppure con carta di credito tramite PayPal cliccando qui